Mad About Youuu: Felpe a gogò (Christmas edition)

Jennifer Beals - Flashdance (1983) - Pinterest
Sinistra: Amanda Seyfried - campagna pubblicitaria Givenchy - Fashion Gone Rogue; Elle Fanning - Givenchy - Miss Vogue Australia - Fashion Gone Rogue









Pixie Geldof e Alexa Chung - London Fashion Week - Spring Summer 2014 - Vogue
Da sinistra: Elle Mexico - Fashion Gone Rogue; Glass Magazine - Fashion Gone Rogue






















Dimentichiamo la palestra (che non è mai stata in cima ai miei pensieri e si vede). E dimentichiamo anche gli anni Ottanta di Jennifer Beals, di Flashdance e degli strascichi paninari ai tempi della scuola. Ecco, forse l’ultima volta che ho indossato una felpa - over e piuttosto eccentrica a ripensarci - andavo al liceo. Da allora niente felpe per me e a quanto sembra nemmeno per gli altri; troppo sportive, troppo adolescenziali, troppo facili. Fino a due anni fa, quando Riccardo Tisci ha mandato sulla passerella di Givenchy la pantera che avrebbe riportato in auge questo indumento negletto imponendolo in una nuova veste “couture”. Le felpe che oggi spopolano sui front row hanno poco del passato e sfoggiano effetti speciali come grafiche rutilanti e surreali, inserti preziosi, ricami, incrostazioni di cristalli. Così dalla pantera passando all’onnipresente tigre di Kenzo e alle variazioni sul tema di una nutrita lista di griffe il successo è stato dilagante. D’altra parte la felpa è un buon affare per i brand del lusso - ha costi contenuti ed è agevole da produrre - ed è l’idea semplice in grado di dare una sterzata a qualsiasi look accedendo a prezzi più o meno abbordabili (si fa per dire) ai trend delle collezioni.
Jennifer Beals è la nostra ragazza copertina, seguita da un po’ di ispirazioni redazionali, “street style” e da sfilata. Infine tre proposte di outfit e alcune neo felpe su cui faccio pensierini anche natalizi.



Forget the gym. And forget the Eighties, Flashdance, Jennifer Beals and the paninaro style at the time of the school as well. Maybe last time I wore a sweatshirt, I attended the high school. Then the sweatshirts have vanished; too sports, too teen-aged, too easy. At least until two years ago, when Riccardo Tisci sent on the Givenchy catwalk the panther that has brought back to the top this forgotten garment with a new “couture” appearance. The current sweatshirts show off special effects as unbelievable and surreal patterns, precious appliqués, embroideries, crystals. A big success because the sweatshirt is a good deal for the luxury brands and is the simple idea able to give shine to any look.
Jennifer Beals is our cover girl, then there are some inspirations. Finally here there are three collages and some adorable sweatshirts.  


1.
Da sinistra: Stringate con micro borchie sulla punta, Gucci; anello in ottone e cristalli, Toi et Moi; felpa con stampa cervello da risonanza magnetica, Christopher Kane; Cabaret clutch con cristalli colorati, Benedetta Bruzziches; Lenticular Bag con ologramma Fred e Ginger, Benedetta Bruzziches; shorts di panno, Karl Lagerfeld

2.
Da sinistra: Felpa con occhi, Kenzo; pantaloni skinny in pelle, Acne; collier con insetto in ottone e cristalli, Toi et Moi; Falabella pochette in ecopelle, catena metallica e cristalli, Stella McCartney; camicia bianca, Acne; stivaletti con elastici laterali, Church's


3.
Da sinistra: Cabaret con borchie, Benedetta Bruzziches; gonna lunga in chiffon di seta plissé, Dries Van Noten; ankle boots in camoscio, Gianvito Rossi; felpa Bambi in neoprene, Givenchy; stringate in vitello spazzolato con figure geometriche in ottone, Coliac; mini in ecopelle con volant, Zara; valigetta in tessuto ricamato e pelle, Olympia Le-Tan



4.

Da sinistra: Mcq; MSGM; N°21; 3.1. Philip Lim; Christopher Kane; House of Holland; MSGM; Lanvin; Mary Katrantzou































Etichette: , , , , , , , , , ,