66° Festival di Cannes - n.1



Si può essere cinefili e icone glamour in un colpo solo? Si possono unire sotto lo stesso tetto generazioni di raffinati cineasti e folle oceaniche di star e starlette in delirio da tappeto rosso? A Cannes si può. Ed è per questo che noi l’adoriamo.
Più frizzante e divistico degli altri festival, più elegante di una qualsiasi cerimonia degli Oscar, Cannes mette d’accordo (quasi) tutti da 66 edizioni a questa parte.


E così da oggi fino al 26 maggio - sotto il segno amorevole della coppia Paul Newman/Joanne Woodward - si rinnova il rito officiato quest’anno da Steven Spielberg (presidente) e da una giuria composta anche da Nicole Kidman, Daniel Auteil, Christoph Waltz (fresco di Oscar per l’epico Django Unchained) e Ang Lee.

S’inizia stasera con la cerimonia inaugurale - madrina Audrey Tautou - ma soprattutto con la proiezione e il red carpet di The Great GatsbyFuori concorso, non in prima mondiale (negli Stati Uniti è già in sala da alcuni giorni) ma che importa. Da più di un anno attendiamo la trasposizione di Baz Luhrmann che da copione ci si aspetta rutilante, “barocca”, spiazzante e sontuosa, in perfetto spirito Roaring Twenties.
Se aggiungiamo la curiosità per la coppia Di Caprio/Mulligan 


More sparkling than the other festivals, more elegant than the Oscars ceremony, Cannes has satisfied (almost) everyone for 66 editions.

And so from today until the 26th of May, the rite - this year officiated by Steven Spielberg (president) and a jury also consisted of Nicole Kidman, Daniel Auteil, Christoph Waltz and Ang Lee - recurs. 

The Festival starts with the inaugural ceremony - the sponsor is Audrey Tautou - but especially with The Great Gatsby’s show and red carpet.
The Great Gatsby is out of competition and not in world premiere but it doesn’t matter. For more than a year we have waited for the Baz Luhrmann transposition.
If we add the curiosity about the Di Caprio/Mulligan couple - in the roles performed by Robert Redford and Mia Farrow - and about the Prada and Miu Miu stage costumes of the party scene, you can understand the expectations.
 
Carey Mulligan e Leonardo DiCaprio - The Great Gatsby (2013) - Baz Luhrmann

- nei ruoli che furono di Robert Redford e Mia Farrow - e per gli oltre 40 costumi della scena del party targati Prada e Miu Miu, il gioco è fatto. In collaborazione con Catherine Martin - costumista e moglie di Luhrmann - Miuccia ha estratto dai suoi archivi abiti pazzeschi che in origine non avevano nulla a che fare con gli anni Venti, ma che con qualche modifica si sono dimostrati perfetti per l’epoca e per la sua rivisitazione in chiave contemporanea. C’è bisogno d’altro?


In collaboration with Catherine Martin - costume designer and Luhrmann’s wife - Miuccia has drawn from her archives unbelievable dresses which originally didn’t have to do with Twenties; these dresses - lightly modified - are perfect for the age and its reinterpretation in contemporary terms.

Carey Mulligan e Leonardo DiCaprio - The Great Gatsby (2013) - Baz Luhrmann
Prada - a sin. Bozzetto per il party dress di Daisy Buchanan, Pinterest; a des. Prada - p-e 2010
Prada - bozzetto - Pinterest
Prada - bozzetto - Pinterest
Prada - bozzetto - Pinterest

Ah, se siete affetti da infantilismo acuto come me, nell’attesa della visione (da domani The Great Gatsby sarà nei cinema italiani) e del red carpet potete divertirvi sul sito del film, qui, a creare il vostro logo o il vostro avatar flapper.   

Ma veniamo alla selezione 2013 che almeno sulla carta si presenta sotto i migliori auspici. Tanti i titoli hot tra cui La Grande Bellezza del nostro Paolo Sorrentino, Heli di Amat Escalante, Behind the Candelabra di Steven Soderbergh, Inside Llewyn Davis dei fratelli Coen, Jeune & Jolie di François Ozon, Jimmy P. di Arnaud Desplechine, Borgman di Alex Van Warmerdam, La Vénus à la Fourrure di Roman Polanski, La Vie d’Adéle di Abdellatif Kechiche, Michael Koolhaas di Arnaud Des Pallières, Nebraska di Alexander Payne, Only Lovers Left Alife di Jim Jarmusch, The Immigrant di James Gray e Shield of Straw di Takashi Miike. Critiche al direttore Thierry Frémaux per aver inserito in concorso una sola donna - Valeria Bruni Tedeschi con Un Château en Italie - e poche opere prime.

Altrettanto interessante la sezione Un Certain Regard che vede la nostra Valeria Golino con Miele e poi Sofia Coppola (The Bling Ring), James Franco (As I Lay Dying), Claire Denis (Les Salauds) e Ryan Coogler (Fruitvale Station).

Infine alla Quinzaine des Realisateurs - sezione parallela al Festival di Cannes - si segnalano alcuni colpacci come La Danza de la Realidad di Alejandro Jodorowsky (primo film dal 1990) e The Congress di Ari Folman.

Insomma non resta che aspettare. 
Noi vi aggiorneremo via Twitter mentre su Pinterest troverete i look migliori.

Nel frattempo vi lasciamo con alcuni degli scatti più belli immortalati sulla Croisette.


Ah, if you suffer from acute infantilism like me, you can enjoy yourself on the movie’s web site (here) creating your logo or your flapper avatar.

And now here is the 2013 selection which on paper seems very interesting. There are many promising titles as La Grande Bellezza by Paolo Sorrentino, Heli by Amat Escalante, Behind the Candelabra by Steven Soderbergh, Inside Llewyn Davis by the Coen brothers, Jeune & Jolie by François Ozon, Jimmy P. by Arnaud Desplechine, Borgman by Alex Van Warmerdam, La Vénus à la Fourrure by Roman Polanski, La Vie d’Adèle by Abdellatif Kechiche, Michael Koolhas by Arnaud Des Pallières, Nebraska by Alexander Payne, Only Lovers Left Alife by Jim Jarmusch, The Immigrant by James Gray and Shield of Straw by Takashi Miike. The director Thierry Fremaux has been criticized for the presence in competition of a unique woman - Valeria Bruni Tedeschi with Un Château en Italie - and few debut films.

The section Un Certain Regard is equally interesting; it presents movies like Miele by Valeria Golino, The Bling Ring by Sofia Coppola, As I Lay Dying by James Franco, Les Salauds by Claire Denis and Fruitvale Station by Ryan Coogler.

Finally we recommend the Quinzaine des Realisateurs - parallel section to the Festival de Cannes - and especially movies like La Danza de la Realidad by Alejandro Jodorowsky (his first film since 1990) and The Congress by Ari Folman.

We’ll keep you up to date via Twitter  while you’ll find the best looks in our Pinterest board.

In the meantime we leave you along with some of the most beautiful photos from the Croisette.

Pénelope Cruz - 2003 - © Pascal Guyot /AFP
Martin Ritt, Sally Field, Beau Bridges - 1979 - © Ralph Gatti
Sophia Loren e Bernard Buffet - 1958 - © PixPlanete
Rossy de Palma - 2004 - © Boris Horvat /AFP
Johnny Depp e Kate Moss - 1998 - © Benain-Duclos AV 2002/GAMMA
Nadine Labaki - 2011 - Photocall Et Maintenant on Va Où © AFP
Dorothy Dandridge - 1955 - © PixPlanete
La Begum e Jean Cocteau - 1954 - © Keystone/Gamma
Julie Atlas Muz, Dirty Martini, Mathieu Amalric - Tournée - 2010 - © AFP
Melanie Griffith e John Waters - 2000 - © Benainous-Duclos/Gamma
Robert Redford, Sidney Pollack, Nela e Arthur Rubinstein - 1972 - © Staff/APP 
Otto Preminger, Liza Minnelli, Ken Howard - 1970 - © Staff/APP
Il cast di Los Abrazos Rotos di Pedro Almodovar - 2009 - © AFP
Robert De Niro e Uma Thurman alla cerimonia di apertura - 2011 - © AFP
Federico Fellini - 1960 - © Keystone/Gamma 
Kirsten Dunst - Migliore attrice - 2011 - © AFP
Doris Day - 1954 - © Edward Quinn /CAMERAPRESS/GAMMA
Cast di Inglorious Basterds di Quentin Tarantino - 2009 - © AFP
Paolo Sorrentino, Prix du Jury per Il Divo, e Matteo Garrone, Grand Prix per Gomorra - 2008 - © AFP
Il cast del film Babel - 2006 - © Valerie Hache/AFP


Tutte le immagini provengono dal sito del Festival di Cannes.


Etichette: , , , , , , ,