28° Festival di Hyères

© Florian by Pierre Debusschere

Fine aprile, tempo di Festival di Hyères.
Come ogni primavera da 28 anni a Villa Noailles si rinnova la competizione/manifestazione tra le più interessanti e avant-garde in tema di moda e fotografia.
La vetrina che mette in comunicazione giovani creativi e importanti addetti ai lavori - galleristi, editori, designer, fotografi, giornalisti, produttori - riapre i battenti da oggi fino a lunedì 29 aprile.
L’ingresso è libero ma i biglietti per le sfilate - trasmesse via maxi schermo in Place Massillon, a Tolone e al Palais de Tokyo oltre che on line - sono già sold out.




As every spring there has been for 28 years the Hyères International Festival at Villa Noailles. The competition/event - among the most interesting and avant-garde festivals about fashion and photography - comes back.
The showcase, which puts on young creative talents to those in the know, reopens the shutters from today until Monday the 29th of April.
The admission is free but the fashion shows’ tickets - broadcasted at Place Massilon, Toulon and Palais de Tokyo as well as on line - are already sold out.

© Jean-François Lepage

Tanti i nomi famosi che hanno mosso i primi passi nel paradiso natural-cubista diretto da Jean-Pierre Blanc: da Viktor & Rolf a Gaspard Yurkievich, da Sølve Sundsbø a Taiyo Onorato, da Alexandre Matthieu a Christian Wijnants fino a Charles Fregér e a Felipe Oliveira Baptista, vincitori nel 2001 e nel 2002 e presidenti rispettivamente della giuria fotografica e di quella moda.



There are many famous names who have passed through the natural-Cubist paradise directed by Jean-Pierre Blanc: from Viktor & Rolf to Gaspard Yurkievich, from Sølve Sundsbø to Taiyo Onorato, from Alexandre Matthieu to Christian Wijnants up to Charles Fregér and Felipe Oliveira Baptista, winners of the 2001 and 2002 editions and presidents respectively of photographic and fashion juries.

Felipe Oliveira Baptista © René Habermacher
Liesbeth Abbenes, Felipe Oliveira Baptista et Delphine Roche © René Habermacher

E veniamo ai 10 i finalisti del concorso moda scelti tra 355 partecipanti: Tomas Berzins & Victoria Feldman (Lettonia-Russia) puntano sul mix di lavoro artigianale e industriale; 



The 10 finalists of the fashion contest are: Tomas Berzins & Victoria Feldman (Latvia-Russia) count on the blend of industrial and artisanal work;

Tomas Berzins & Victoria Feldman - Lettonia-Russia - collection femme © Brea Souders

Henning Jurke (Germania) rilegge al maschile gli stilemi dei Roaring Twenties; 


Henning Jurke (Germany) rereads in male terms the Roaring Twenties characteristics;

Henning Jurke - Germania - collection homme © Brea Souders

Camille Kunz (Svizzera) propone una moda maschile giocosa vista dalla prospettiva di una donna a cui non sarebbe dispiaciuto essere uomo; 



Camille Kunz (Switzerland) proposes a male playful fashion from a perspective of a woman who might once have wanted to be a man;

Camille Kunz - Svizzera - collection homme © Brea Souders 

Xénia Laffely (Svizzera) distilla la sua ossessione per due figure - un padre in completo classico e un prete in paramenti sacri - in una terza creatura: una sorta di figlio degenere che sintetizza in modo folle i caratteri degli altri due; 



Xénia Laffely (Switzerland) condenses her obsession with two figures – a father wearing a classic suit and a priest in vestments – giving life to a third creature: a kind of unworthy son who synthesizes madly the features of the other two;

Xénia Lucie Laffely - Svizzera - collection homme © Brea Souders

Yvonne Poei-Yie Kwok (Paesi Bassi) partendo dalla considerazione sul ruolo che la moda ha nelle nostre vite avverte la necessità di trasfondere amore nelle sue complesse creazioni manuali; 



Yvonne Poei-Yie Kwok (The Netherlands) - considering the role that fashion plays in our lives - instills love in her complex handwork creations;

Yvonne Poei-Yie Kwok - Paesi Bassi - collection femme © Brea Souders

Satu Maaranen (Finlandia) è affascinata dalla possibilità d’indossare la natura e si cimenta nella fusione dei suoi capi col paesaggio circostante (alla Liu Bolin?); 



Satu Maaranen (Finland) is fascinated by the possibility of wearing nature and engages in the fusion of his clothes with the surrounding landscape;

Satu Maaranen - Finlandia - collection femme © Brea Souders

Marion de Raucourt (Francia) applica alla moda i metodi di assemblaggio tipici del packaging all’insegna di funzionalità, minimalismo ed estetica industriale; 



Marion de Raucourt (France) employs the assembly methods of packaging to fashion or rather functionality, minimalism and industrial aesthetic;

Marion de Raucourt - Francia - collection femme © Brea Souders

Damien Ravn (Norvegia) presenta la sua rivisitazione contemporanea dell’armatura medievale; 



Damien Ravn (Norway) displays his contemporary version of the medieval armour;

Damien Ravn - Norvegia - collection femme © Brea Souders

Shanshan Ruan (Cina) nasconde nelle stratificazioni e nelle sfumature dei suoi abiti un riferimento alle immagini residue che popolano le visioni a occhi chiusi e che mutano la percezione della realtà; 



Shanshan Ruan (China) conceals in layers and shadows of her dresses a reference to the afterimages;

Shanshan Ruan - Cina - collection femme © Brea Souders

Xing Su (Canada) crede che la moda pieghi le regole fisiche senza bisogno di tecnologia ma che anzi ognuno di noi nel vestirsi deve e può sperimentare.



Xing Su (Canada) believes that fashion bends physical rules without technology.        

Xing Su - Canada - collection femme © Brea Souders

Quattro i premi che saranno assegnati ai designer (sostenuti nella realizzazione della loro prima collezione da partner come Swarovski, Puntoseta o Première Vision): il Gran Premio della Giuria L’Oreal Professionnel del valore di 15.000 euro, il Premio Première Vision del valore di 10.000 euro, il Premio Chloé (i capi potrebbero essere commercializzati dalla celebre maison) e il Premio del Pubblico.

Ecco invece i 10 finalisti del concorso fotografico selezionati tra 773 partecipanti: Lena Amuat & Zoë Meyer (Svizzera) collezionano e fotografano modelli scientifici e reperti rituali affastellati in archivi mutevoli che somigliano a Wunderkammer. Scienza, arte, natura e religione si rimescolano in una visione soggettiva tra conoscenza e percezione; 



Four prizes will be awarded to the designers (the collections have been produced with the support of Swarovski, Puntoseta or Première Vision): the L’Oreal Professionnel Jury Grand Prize which consists of a grant of 15.000 euro; the Première Vision Prize which consists of a grant of 10.000 euro; the Chloé Prize (the clothes could be marketed by the well-known maison) and the Public Prize.

The 10 finalists of photographic contest are: Lena Amuat & Zoë Meyer (Switzerland) collect and photograph scientific models and ritual finds gathered in the style of Wunderkammer. Science, art, nature and religion are re-combined in order to create a subjective world-view between knowledge and perception;

Lena Amuat & Zoë Meyer - Artefakte un Modelle - 2009-2013

Emile Barret (Francia) fotografa cervelli in technicolor in stile Hannibal o immersi nella formaldeide sullo sfondo de Il Giardino delle Delizie per parlare del timore della morte e di come ogni rappresentazione del corpo possa essere solo una metafora di esso e della vita; 



Emile Barret (France) photographs Technicolor or put in formaldehyde brains in order to talk about the fear of death and how the body’s representation can be only a metaphor of it and of life;

Emile Barret - Atlas Contemporain de Processus de Corps Humains - 2012   

Petros Efstathiadis (Grecia) nella serie Liparo & Bombs crea con rifiuti e cose trovate in giro sculture e set che raffigurano bombe e armi innocue e infantili a incarnare una riflessione sulla guerra e sulla paura per una società in stato di assoluta confusione; 



Petros Efstathiadis (Greece) in Liparo & Bombs creates with refuses sculptures and sets which illustrate innocuous and childish bombs and arms to embody a reflection about war and a society in a state of general confusion;

Petros Efstathiadis - Liparo & Bombs - 2008-2012

David Favrod (Svizzera), madre giapponese e padre svizzero, nonostante sia nato in Giappone e sia cresciuto in Svizzera influenzato principalmente dalla cultura materna a 18 anni si vede rigettare la richiesta di nazionalità nipponica. Questa serie con cui Favrod ricrea il suo personale Giappone in Svizzera - elaborando i racconti della madre e dei nonni, memorie di viaggio e tradizioni popolari - è una riaffermazione della propria duplice essenza e la reazione a un doloroso rifiuto; 



David Favrod (Switzerland), Japanese mother and Swiss father, although he was born in Japan and raised in Switzerland mostly by his mother, suffered the rejection of the Japanese nationality. With this series Favrod recreates his own Japan in Switzerland - elaborating his mother and grandparents’ stories, memories of journeys and popular traditions - in order to reaffirm his double identity and the reaction to a distressed refuse;
      
David Favrod - Gaijin - 2009 - En cours

Dominic Hawgood (Regno Unito) esplora differenti idee di fede. Nel corso di un soggiorno in Texas incontra e fotografa per diverse settimane due persone che durante la preghiera manifestano il fenomeno della glossolalia (stato di trance in cui ci si esprime in lingue sconosciute); 



Dominic Hawgood (United Kingdom) explores different ideas of faith. During an artistic residency in Texas he meets and photographs two subjects who reveal the practice of “speaking in tongues” throughout the worship;

Dominic Hawgood - The Conversation - 2012

Grace Kim (Stati Uniti) attraverso la tecnica del collage digitale fonde filmati reperiti sul web con foto di viaggi e vagabondaggi dando vita a paesaggi immaginari e poetici che parlano dell’apporto psichico e mistico alla percezione; 



Grace Kim (United States) with the technique of digital collage melds footage sourced on line and travel pics giving life to imaginary and poetic landscapes; 

Grace Kim - Constellations - 2012

John Mann (Stati Uniti) delinea inquietanti still life in bianco e nero di paesaggi indefinibili più mentali che fisici illuminati da una luce altrettanto indefinibile che di volta in volta oscura e rivela aspetti desolanti dell’esistente; 



John Mann (United States) outlines disturbing black and white still lives of indefinable landscapes enlightened by an equally indefinable light;

John Mann - Pack Ice - En cours

Anna Orlowska (Polonia) narra una storia di pazzia in cui immagini interiori si mescolano a fotogrammi della realtà a illustrare il conflitto tra dimensione naturale e sociale dell’essere umano; 



Anna Orlowska (Poland) tells a story of madness in which mental images mingle with frames of reality illustrating the conflict between natural and social state of the man;

Anna Orlowska - Leakage - 2011

Peter Puklus (Ungheria) costruisce un foto-documentario del suo tentativo di visualizzare la flessibilità e la complessità del cervello con esperimenti scultorei a base di immondizia e bric-à-brac nel solco degli esercizi di forma e luce delle avanguardie anni Venti; 



Peter Puklus (Hungary) builds a photo-documentation of his attempt to visualize the flexibility and the complexity of the brain with sculpture experiments (made of trash and bric-à-brac) resembling the form and light exercises of the Twenties avant-garde;

Peter Puklus - Handbook to the Stars - 2011

Eva Stenram (Svezia) si serve di negativi anni Sessanta della rivista per soli uomini Cavalcade. Sono tutti scatti in ambienti domestici caratterizzati da tende che manipolate al computer vengono dilatate coprendo parzialmente le donne. Il risultato è uno spostamento dei piani tra sfondo e punto focale che devia l’occhio di chi guarda con un effetto di straniamento.



Eva Stenram (Sweden) uses Sixties negatives by the men’s magazine Cavalcade. It’s about images in domestic sets characterized by drapes that - manipulated - are extended to partially obscure the women. The result is a move between background and focal point which deflects the gaze of the viewer.

Eva Stenram - Drape - 2012

Nel prossimo post scopriremo i vincitori e le mostre visitabili fino al 26 maggio, nel frattempo vi lasciamo in compagnia dell’introduzione al Festival di una rediviva Marie-Laure de Noailles.  



In the next post we’ll discover the winners and the exhibitions (until May 26), meanwhile we leave in company with Marie-Laure de Noailles.    



Etichette: , , ,