R.I.P. Donna Summer



Donna Summer è morta, uccisa da un tumore.
Probabilmente lassù qualcuno la ama. Fin troppo. E l’ha voluta rapire presto, trascinandola nei Campi Elisi. La felicità ultraterrena ha ora una voce, quella sensuale della regina della disco.


LaDonna Andre Gaines (vero nome della cantante americana) ha permeato oltre un ventennio di storia della musica. Ha reso immortale la disco music, ha influenzato decine e decine di artisti dagli anni ’80 in poi, è diventata un’icona trasversale, capace di ammaliare il mondo gay (al di là di alcune polemiche nate da sue dichiarazioni mal interpretate), quello dei clubber, quello cinematografico.


Il successo della cantante di Boston è figlio anche della rivoluzione culturale e sessuale di fine anni ’60, dell’ansia di libertà che s’impossessava di giovani scissi tra pulsioni nichilistiche e impeti d’ebbrezza. Donna Summer è assurta al ruolo di musa dell’amore, di un amore cosmico e mistico che si esprimeva nei suoi ammiccanti gorgheggi e nei suoni ipnotici creati da Sua Maestà Giorgio Moroder.


Come dimenticare I Feel Love, frutto della collaborazione di Donna e di re Giorgio? Un inno edonistico datato 1977, 8 minuti (o 15, a seconda delle versioni) di sensualità in note, che trova il suo compimento nel refrain “I feel love” cantato dalla “Queen of disco”. 


Dici Donna Summer e pensi a Hot Stuff, Love to Love You Baby, allo Studio 54, a Quincy e a Grace Jones, ai film Thank God It’s Friday e Full Monty. È un’associazione di idee interminabile, un albero dai mille rami.  
Basta farsi un giro per i social network per rendersi conto di quanti (e quanto diversi tra loro) artisti sono stati toccati dalla morte della dea dell’amore. Ecco solo alcuni dei commenti in rete:


Nile Rodgers (Le Chic) = Donna Summer RIP, you paved the way for me

Madonna = Rest in peace Donna Summer

Kylie Minogue = One of my earliest musical inspirations

Marc Almond (ex Soft Cell) = Donna Summer’s work with Giorgio Moroder changed the face of music and changed my life

Fergie = Another one of my vocal idols has passed

Moby = Very, very sad. Donna Summer has died. Words can’t express the impact and influence she had on music

Aeroplane = Donna Summer with Giorgio. They will always be in my music, always

Busta Rhymes = God Bless and RIP Queen Donna Summer

Ciao Donna. Siamo sicuri che nell’Ade stanno risuonando le note di I Feel Love.




Immagini: Tumblr. 1) 2) 3) Donna Summer e Giorgio Moroder; 4)


Etichette: , ,