REWIND 2 – Paris Fashion Week - Fall-Winter 2011-12: 9/3/2011 LOUIS VUITTON


Il secondo Rewind, sempre dall’ultimo giorno delle sfilate parigine, è dedicato a una sfilata che ha suscitato molto clamore: Louis Vuitton.

LOUIS VUITTON

Quattro ascensori in ferro battuto e altrettanti uomini con la divisa di chi negli alberghi di lusso è addetto a condurre i clienti al piano: va in scena Louis Vuitton ed è stupore fin dall’uscita delle modelle che emergono alternatamente a bordo degli ascensori, interpretando i personaggi di una storia in cui abbondano cinture stringivita in vernice 


e cappelli con visiera decorati da mascherine;


abbastanza per essere certi che l’atmosfera inclini al feticismo e che le mascherine sui cappelli provengano da Il Portiere di Notte di Liliana Cavani.

Dopotutto Marc Jacobs, volendo omaggiare la Lockit - icona della maison declinata per l’autunno-inverno in tutti i modi possibili -, è partito dall’ossessione femminile per le borse e, assimilandola al feticismo e al suo mix di smania di possesso e dipendenza, l’ha condensata plasticamente nei bracciali con catena che legano l’oggetto del desiderio alla proprietaria;


da qui a Charlotte Rampling e Dirk Bogarde il passo è stato breve e ha portato accenti sadomaso chic e ambientazioni grand hotel, ideale teatro per il viavai di ragazze ingenuamente torbide, reduci da avventure peccaminose,



e di guardarobiere o cameriere con le mani timidamente nascoste dietro la schiena, bloccate in realtà da suggestivi bracciali-manette.

La collezione - sensuale e sofisticata - è spesso scandita da un gioco di contrasti all’insegna dell’ambiguità che vede l’unione tra elementi forti e dettagli delicati: reggicalze e nude look accompagnati a colletti tondi da educanda (uno dei motivi dominanti),


bustier e culotte bondage indossati con camicie e romantiche bluse di organza,

fantasie astratte che a ben vedere riprendono maschere, scarpe e fruste proposte anche come applicazioni viniliche su deliziosi abiti bon ton,

 
lieve pizzo ma in versione gommata;

a seguire infiniti spunti sospesi tra eleganza e provocazione: pantaloni jodhpur da militare,

impermeabili in vinile,

cappotti in macrotwill o in panno,

completi a quadri dalle maniche ampie,

mongolia ed ecopelliccia abbinate a tessuti plastificati effetto corazza, 

culotte e autoreggenti velate,

pitone laccato,

macropaillette,

applicazioni di fiori

e tacchi esorbitanti per stivali in gomma da dominatrice, stringate e stivali bicolori da istitutrice, scarpe con microfiocchi e décolleté con intrecci che arrivano al ginocchio.

Tra le modelle alcune supertop del passato come Naomi Campbell, Amber Valletta, Carolyn Murphy e Michele Hicks preludono all’uscita finale di una perversa Kate Moss, sulle cui presunte curve cellulitiche si è discusso troppo.




Immagini: style.com

Etichette: , , ,